Maternity

Quanto avete cercato il vostro bambino?

Quanto avete cercato il vostro bambino?Ci sono molte coppie che credono che avere un bambino sia la cosa più facile del mondo, invece non è proprio cosi.

Oggi ho deciso di raccontarvi un po’ meglio la mia storia.Lo so che siete tutti abituati a vedermi sorridete e ottimista, ma questo pancione, che amo infinitamente, si è fatto attendere un po’ e bisogna ammettere che in quei mesi mi sono fatta più di qualche pianto.

Parto dal principio…Ho sempre avuto un ciclo molto irregolare e doloroso, che ho sempre sopportato senza lamentarmi troppo, anche perché secondo i pareri di tutte le persone con cui mi confrontavo, l’unica soluzione per attenuare ciò sarebbe stata la pillola, che però non ho mai voluto prendere per paura di ingrassare e gonfiarmi.

A vent’anni però, iniziando a posare come modella, ho cominciato a fissarmi esageratamente con il peso, e sono arrivata a pesare 49kg, che per me, che sono alta 1,73 è abbastanza poco. Tanto che sono entrata in aminorrea. Quella brutta cosa che spesso si accompagna a un pregresso disturbo alimentare restrittivo e che porta a non avere le mestruazioni fino a che non recuperi il tuo peso forma. Praticamente il tuo corpo ti dice “tesorin, non hai abbastanza nutrimento per te figurati se ti do la possibilità di mettere al mondo un figlio”.

L’assenza di ciclo è reversibile solo se si corregono gli squilibri alimentari, a patto che l’assenza non sia troppo prolungata perchè questo va a inceppare gravemente anche il “mondo” ormonale.E difatti, per me, è stato così. Ho passato due anni prima di riavere indietro il mio doloroso ciclo.

Mia madre e mio padre erano preoccupati.. e anch’io iniziavo a diventarlo, non tanto per il poco peso, ma per il fatto che se le mie “ovaie” avessero continuato il loro sonno, quando avrei voluto un bambino probabilmente non sarebbe stato molto facile.

Così mi sono decisa e mi sono fatta seguire da un nutrizionista per qualche mese che mi ha aiutata a ristabilire il mio peso. Un vero angelo che mi ha fatto capire la gravità della mia situazione e che mi ha portato a quella che sono oggi, una ragazza che ci tiene al suo peso, che magia sano e che fa la sua attività fisica senza intaccare la propria salute.

Una volta arrivata al peso forma le opzioni erano due: o il ciclo avrebbe ripreso naturalmente o sarei dovuta ricorrere a delle cure ormonali. E per me, sfiga vuole, che da sole non arrivavano.Così sono riscorsa alla pillola, al progesterone, ecc ecc.. fino a che finalmente tutto è tornato come prima. Doloroso ma finalmente come lo era sempre stato.A 23 anni ho conosciuto Mattia, che, come dico sempre, mi ha lettermente cambiato la vita. L’abbiamo visto tutto sin da subito allo stesso modo.

Volevamo le stesse cose.. un lavoro, una casa, una famiglia. Abbiamo passato due anni stupendi, in cui abbiamo lavorato, viaggiato, e desiderato il nostro bambino. Mi avevano avvisata che dalla sospensione della pillola non sarebbe stato facile rimanere subito incinta, e infatti da quando ci siamo decisi di “provare” seriamente sono trascorsi almeno 5/6 mesi.Ora capite perché sono così incredibilmente felice.. e perché amo così tanto questa pancia?

E’ proprio vero che le cose belle si fanno attendere.Con questo post ho voluto raccontarvi un po’ più di me.. e consigliare a chi cerca una gravidanza, di non mettersi ansie e preoccupazioni.. ma di viversi l’amore al meglio.. e vedrete che quando sarà tutto in ordine, il vostro bimbo arriverà ♥️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.