Qual è (se esiste) l’età giusta per avere il primo figlio?

età giusta primo figlio

Sono in molti a domandarselo quando arriva un certo periodo della vita: qual è l’età giusta per avere il primo figlio? Il discorso è complesso, soprattutto perché – chiariamolo immediatamente – non esiste un’età giusta. Ci sono moltissime valutazioni da fare. Le prima sono inerenti le singole persone e la maturità della coppia; in seguito vengono tutte quelle più pratiche che riguardano il lavoro, la casa, il denaro che si ha a disposizione. Qual è quindi l’età giusta primo figlio? Proviamo a fare insieme qualche valutazione in merito alla questione.

Età giusta primo figlio: ha senso porsi questa domanda?

Quali sono le ragioni giuste per mettere al mondo un figlio? Possono essercene tante. L’età influisce? Solo a livello fisico, considerato che sia l’apparato riproduttore femminile che quello maschile invecchiano come tutto il corpo; andando avanti con gli anni, quindi, accade che le probabilità di cominciare una gravidanza diminuiscano. Ci sono vari fattori da valutare quando si decide di avere un figlio (amore, solidità della coppia, disponibilità economica) ma non esiste giusto o sbagliato. Possiamo tranquillamente affermare che l’età giusta per avere un figlio è solo una: quella in cui ci si sente pronti. E questo numero varia da persona a persona.

L’età giusta per avere il primo figlio è quando te la senti

L’età giusta per avere figli e quando uno se la sente. Come singolo e come coppia. Perché sia la scelta giusta e non porti scompiglio nella vita dei futuri genitori avere un bimbo deve essere una decisione presa in maniera equilibrata. Bisogna valutare le proprie condizioni di vita e quelle che si potrebbero dare al bambino e, se veramente ci si sente pronti come individui e come coppia a diventare una famiglia, iniziare a provare. Parlare di età è riduttivo e, tranne che da un punto di vista biologico, non ha senso. Per fare un figlio occorre sentirsi sicuri del proprio compagno o della propria compagna e sicuri di voler affrontare l’esperienza della gravidanza e della genitorialità, di essere pronti ad affrontare le prove che comporta in maniera serena e con coraggio. Diventare madre e padre, alla fine dei conti, è una scelta dettata un po’ dal buon senso e dalle condizioni esterne, un po’ frutto di un desiderio interiore che non ha un’età standard per palesarsi.