Liberi professionisti: come riuscire a staccare davvero dal lavoro

Lavorare da liberi professionisti comporta dei vantaggi, certo, ma ci sono anche una serie di contro. Primo fra tutti? Non riuscire mai a staccare la spina. Chi è libero professionista lo sa bene: non doversi trovare per forza in ufficio per lavorare è un punto debole quando si tratta di riposarsi davvero. A chi non è mai capitato di rispondere a quella mail super importante fuori orario lavorativo o di mettersi avanti con qualche compito durante il weekend? Questo modo di fare è sbagliato e, alla lunga, può portare a una serie di problemi soprattutto quando ci si ritrova in famiglia e con dei bimbi piccoli da gestire. Vediamo insieme qualche consiglio per staccare la spina da lavoro in maniera duratura e godersi il tempo libero senza pensieri.

Leggi anche: Passione serie tv: le migliori da guardare mentre i bambini dormono

Staccare la spina da lavoro: come riuscirci con qualche accorgimento

Qual è il modo migliore per staccare la spina dal lavoro? Concentrarsi sulle persone e sulle attività che amiamo fare al di là del nostro lavoro.

Concentratevi sulle persone a cui volete bene

Non importa chi: famiglia di origine, partner, figli, amici. Ci sono mille buone ragioni per staccare la spina quando siamo con le persone alle quali vogliamo più bene. Cercate di stare fuori casa il più possibile in compagnia coltivando i vostri rapporti: raccontate di voi e ascoltate ciò che gli altri hanno da dire interessandovi alle loro vite. L’unico argomento tabù? Il lavoro, se non strettamente necessario! Se avete buoni rapporti con i colleghi approfittatene per vedervi al di fuori dell’orario lavorativo e parlare di argomenti più leggeri.

Viaggiate per staccare la spina da lavoro

Sicuramente viaggiare rientra tra i modi migliori per staccare la spina dal lavoro. Quando possibile organizzate uno o due viaggi all’anno in posti che non avete mai visto così da avere una serie di nuovi input. Spegnete il laptop, i tablet, gli smartphone e fate tutto quello che durante l’anno non vi concedete: alzarvi tardi e godervi una giornata di relax in spiaggia o prestissimo per andare a vedere l’alba in cima a una scogliera. Scegliete voi la vacanza che più vi è congeniale ma rispettate sempre una regola d’oro: niente lavoro! Solo così potrete staccare davvero la spina e godervi la vita.

Trovate nuove attività alle quali dedicarvi

Oppure dedicatevi a ciò che amavate fare prima di entrare nella spirale del lavoro-lavoro-lavoro. Ci sono moltissimi interessi che abbiamo ma spesso e volentieri non coltiviamo per mancanza di tempo…che è solo una scusa! Avere una valvola di sfogo come fare un corso di cucina o andare in palestra (o anche tutti e due!) non può che far bene al nostro cervello migliorando anche la nostra produttività a lavoro. Prendersi cura di sé al di fuori dell’ambito lavorativo è sicuramente uno dei modi migliori per staccare e godersi le giuste ore di riposo.

Via i social network

Sembra una cosa stupida ma non lo è: Facebook, Instagram, Twitter e tutti i social creano dipendenza e vi tolgono il vostro tempo migliore, quello che dovreste dedicare a voi stessi, al vostro benessere e ai vostri cari.

Create un rituale quotidiano che spezzi la routine

Staccare da lavoro può essere più facile se ci si crea una sorta di rituale quotidiano associato al momento in cui si stacca da lavoro. Rituale tipo? Fare merenda, riprendere a leggere un libro, ascoltare musica di sottofondo. Ogni azione rilassante è valida, potete scegliere tranquillamente voi cosa fare, l’importante è che venga ripetuta ogni giorno quando si smette di lavorare.