Yogurt per bambini, non sono tutti “sani” ma la maggior parte sono pieni di zucchero

yogurt per bambini

L’alimentazione è un aspetto importante della vita di un neonato e di un bambino, affinché cresca sano e in salute. Ed è altrettanto importante che il piccolo acquisisca piano piano da solo delle abitudini alimentari corrette da portare avanti sempre più autonomamente. Uno stile di vita sbilanciato incide negativamente sullo sviluppo, mentre un’alimentazione controllata è certamente un vantaggio. Lo yogurt per bambini è una delle alternative più valide per una merenda. Purtroppo in commercio questi prodotti non sempre sono realmente buoni come vengono sponsorizzati. A parlare chiaramente è l’etichetta coi valori nutrizionali.

Yogurt per bambini a merenda

Come orientarsi per la merenda dei più piccoli? Se da un lato è vero che nei primi anni di vita è importante l’assunzione di grassi, essenziali per la formazione delle strutture neuronali, è vero anche che i bambini tendono ad assuefarsi al sapore degli zuccheri. La tentazione delle merendine e dei cibi “industriali” è tanta, l’offerta è sconfinata e certamente fa gola, ma le opzioni più sane e naturali non mancano di certo. Ad esempio, perché non proporre uno yogurt alla frutta? Anche in questo caso in commercio ci sono svariate proposte, anche yogurt bianchi a cui aggiungere frutta fresca. Ma siamo sicuri che siano un’opzione davvero sana?

Sugli scaffali e nei frigo dei supermercati si trovano prodotti di ogni fascia di prezzo e ogni marca, ma buona parte di essi non sono così sani come sembrerebbe. Basta leggere attentamente le etichette. Generalmente è molto enfatizzata la presenza di calcio, minerale utilissimo per rinforzare ossa e avere denti sani, certo, ma la verità è che di contro ci sono molti zuccheri all’interno. Troppi. Vengono aggiunto per rendere il sapore del prodotto più accattivante per i bambini, ma questo non fa certo il loro bene e incide negativamente anche sui denti.

Yogurt per bambini: come farlo in casa

Lo yogurt non è difficile da realizzare in casa, con la certezza di portare in tavola un prodotto davvero naturale e privo di additivi e conservanti. In commercio esistono appositi strumenti che con un funzionamento davvero essenziale consentono di realizzare il prodotto, a cui poi magari si può aggiungere della frutta fresca, per arricchirne il sapore.

Ma si può procedere anche senza yogurtiera in questo modo:

  1. scegliere uno starter, preferibilmente dello yogurt greco;
  2. mettere a fermentare in un contenitore chiuso ermeticamente;
  3. bollire il latte e poi farlo raffreddare fino a portarlo a temperatura ambiente;
  4. stemperare lo starter in un paio di cucchiai di latte bollito e raffreddato, continuando ad aggiungere lentamente il resto del liquido;
  5. mettere nel contenitore prescelto, mescolare energicamente con un cucchiaio per un minuto e coprire col coperchio:
  6. porre in forno preriscaldato a circa 40 gradi per circa 3 ore e mezza o comunque fino a quando non sarà solidificato;
  7. mettere in frigo per raffreddarlo e per addensarlo ancora di più;
  8. e buona merenda!